070 6013505info@pbmnet.itCagliari     Piazza L'Unione Sarda

Domande / Risposte frequenti & Consigli

Home / FAQ
Modalità di pagamento

BANCO DI SARDEGNA IBAN: IT65M0101504800000000046016
BNL IBAN: IT48B0100504800000000000029
POSTE IBAN: IT10U0760104800000036336535
CONTO CORRENTE POSTALE N. 36336535

Qualche consiglio per la creazione di una buona campagna di comunicazione
Per la creazione di un messaggio pubblicitario efficiente è necessario elaborare un documento, chiamato brief, con l’obiettivo di rendere chiaro e completo l’obiettivo di comunicazione dell’azienda.

Dedicare un po’ del proprio tempo a redigerlo consentirà di avere più chiari gli obiettivi che si intendono raggiungere.

Questo documento deve fornire una serie di informazioni che possono talvolta sembrare scontate per l’utente, ma non per chi deve creare la campagna:

  • Informazioni sull’azienda
    • la sua storia
    • la sua missione ossia il ruolo che ha nel mercato
    • la sua brand personality (ossia l’immagine che si intende comunicare al proprio target di riferimento. Il consumatore pensa al prodotto nello stesso modo in cui pensa ad una persona verso cui può provare simpatia o simpatia, ammirazione o disprezzo e così via)
    • modalità di acquisto
    • abitudini di consumo
  • Informazioni sul prodotto che si intende pubblicizzare
    • caratteristiche
    • vantaggi e svantaggi
    • uso dei prodotti
  • Informazioni sul mercato
    • caratteristiche dei concorrenti
    • prezzi del prodotto e dei suoi concorrenti
  • Informazioni sul consumatore attuale
  • Informazioni sul target che si intende colpire
Strategia Media: scegliere un mix
Giornale, tv, radio, web? Come scegliere il media più giusto per la programmazione della propria comunicazione?

Alla convenienza di un media rispetto ad un altro è necessario unire la coerenza dello stesso con il messaggio che si intende comunicare.

Se si intende ad esempio comunicare un gran numero di informazioni non lo si può fare attraverso uno spot televisivo, ma piuttosto su una pagina di giornale.

Un’azione sinergica dei media con messaggi coerenti tra loro permette di suscitare la giusta attenzione nei confronti del target di riferimento.

Per cui programmando uno spot televisivo e radiofonico che offre un alto grado di concentrazione del pubblico con un’ottima memorabilità, velocità ed espressività e coordinandolo con il grado di attenzione, di informazione e di permanenza che offrono stampa e web si potrà ottenere un migliore risultato di comunicazione.

Internet inoltre offre un altissimo grado di flessibilità permettendo di sostituire il messaggio in tempi brevissimi e di aggiornare la propria pagina di collegamento in autonomia da parte del cliente.

Ogni mezzo di comunicazione ha infatti le proprie caratteristiche che devono sposare il messaggio da veicolare. Il messaggio deve essere sempre coerente in modo da aumentare il ricordo da parte del target desiderato.

Insomma per una buona comunicazione il mix sembra essere la formula vincente.

Oltre ad essere l’anima del commercio la pubblicità si può scaricare dalle tasse

Soprattutto in periodi di crisi si rinuncia alle spese di pubblicità e quindi a promuovere la propria azienda, il proprio prodotto. Attività che invece proprio in questi casi può aiutare a suscitare l’attenzione da parte del mercato.

Per questo è importante ricordare che la pubblicità è un costo sostenuto dall’azienda ed è deducibile ai fini dell’imposta sul reddito.

Il Testo Unico Imposte sul Reddito (TUIR) all’art. 108, comma 2 prevede che:

Le spese di pubblicità e propaganda sono deducibili nell’esercizio in cui sono state sostenute o in quote costanti nell’esercizio stesso e nei quattro successivi